1

FONDO COMPLEMENTARE-Interventi per lo sviluppo delle imprese culturali, creative, turistiche, sportive, anche del terzo settore-CAPO III

https://www.profiliaziendali.it/wp-content/uploads/2022/07/B.2.1-CAPO-III.mp4

FINALITA’

Il presente bando è dedicato allo sviluppo e al consolidamento del settore culturale, creativo, turistico e sportivo, anche del terzo settore, mediante la concessione di agevolazioni, nella forma di contributi a fondo perduto, ad iniziative imprenditoriali di micro, piccole e medie imprese, dirette a valorizzare le risorse del patrimonio sociale, storico, culturale, ambientale, sportivo e turistico delle aree colpite dal sisma 2009 e 2016.

La dotazione finanziari del presente intervento è di € 40.000.000,00.

DESTINATARI

Il presente bando prevede un sostegno per il consolidamento e lo sviluppo di attività economiche, ricomprese nelle aree dei Comuni dei crateri sismici del Centro Italia 2009 e 2016, promosso da micro, piccole e medie imprese.

Per visualizzare la Lista dei Comuni rientranti nel seguente bando clicca qui.

SPESE AMMISSIBILI

Le tipologie di spese ammesse al presente bando sono le seguenti:

  • opere murarie ed assimilate (max 60% dell’investimento totale);
  • acquisto terreni (max 10% dell’investimento totale) e immobili (max 50% dell’investimento totale);
  • Immobilizzazioni materiali e immobilizzazioni immateriali ammortizzabili;
  • programmi informatici, servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione big data ed altri contenuti digitali ammortizzabili;
  • brevetti, licenze e marchi; consulenze tecniche (max 10% dell’investimento totale);
  • in regime de minimis, spese avviamento nel limite di 20.000 € per imprese costituite nell’anno fiscale.

ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni sono concesse, per la realizzazione delle iniziative imprenditoriali ammissibili, con esclusione degli Agriturismi, nella forma del contributo a fondo perduto:

  • Per le aree NON ricadenti nelle zone di cui all’art. 107, paragrafo 3, lett. c TFUE
  • Per le Piccole imprese: contributo massimo 35%;
  • Per le medie imprese: contributo massimo 25%;

in eventuale combinazione, su diversi costi ammissibili, con:

  • Un aiuto de minimis, fino ad un massimo di 200.000 euro, con un’intensità non superiore all’80%;

in alternativa al de minimis, su diversi costi ammissibili:

  • Sezione 2.1 del Quadro Temporaneo Ucraina, fino ad un massimo di 400.000 euro con un’intensità non superiore all’80%
  • Per le aree ricadenti nelle zone di cui all’art. 107, paragrafo 3, lett. c TFUE
  • Per le Piccole imprese: contributo massimo 50%;
  • Per le medie imprese: contributo massimo 40%;

in combinazione, su diversi costi ammissibili, con:

  • un aiuto de minimis, fino a massimo 200.000 euro, con un’intensità non superiore all’80%;

In alternativa al de minimis, su diversi costi ammissibili:

  • Sezione 2.1 del Quadro Temporaneo Ucraina, fino ad un massimo di 400.000 euro con un’intensità non superiore all’80%.
  • In alternativa, per tutte le aree:
  • Sezione 2.1 del Quadro Temporaneo Ucraina, fino a massimo 400.000 euro con un’intensità non superiore all’80%;

in eventuale combinazione su diversi costi ammissibili con

  • de minimis, fino a massimo 200.000 euro con un’intensità non superiore all’80%;
  • Aiuti per la cultura e per la conservazione del patrimonio culturale, per tutte le aree:
  • fino ad un massimo di 1.200.000,00 di euro, con un’intensità non superiore all’80%

 in combinazione, su diversi costi ammissibili, con:

  • de minimis, fino a massimo 200.000 euro con un’intensità non superiore all’80%, fermo restante un massimale complessivo degli aiuti di 2.000.000,00 di euro;
  • Aiuti per le infrastrutture sportive, per tutte le aree e a condizione che siano aperte al pubblico e non riservate ad un solo utente:
  • fino ad un massimo di 1.050.000,00 di euro, con un’intensità non superiore all’70%

in combinazione, su diversi costi ammissibili, con:

  • de minimis, fino a massimo 200.000 euro con un’intensità non superiore all’80%, fermo restante un massimale complessivo degli aiuti di 2.000.000,00 di euro.

Per gli agriturismi è prevista una agevolazione sotto forma di contributo a fondo perduto ai sensi della Sezione 2.1 del Quadro Temporaneo Ucraina, fino a massimo 400.000 euro per un importo complessivamente non superiore all’80 (ottanta) per cento della spesa ritenuta ammissibile.